Blog

Idee per la casa - 07 Gennaio 2021

Film da guardare per scegliere l’interno della tua casa

L’ispirazione per l’arredamento della tua casa può provenire da suggestioni diverse: l’arredamento visto da un amico o su qualche social, foto vintage o interni iconici di case cinematografiche progettate da esperti.

Nel corso della storia del cinema, c’è una ricchezza di splendidi spazi, quindi perché non prendere allora i due famosi piccioni con una fava: intrattenimento unito a dritte di design in un colpo solo? Come vi avevamo già detto, il cinema e l’architettura viaggiano a braccetto, oggi ci concentriamo sugli interni di case cinematografiche che possono aiutarti nella scelta del tuo interno.

Proprio come i film più eleganti possono darti idee su spettacolari outfit vintage, quelli con una scenografia impeccabile possono darti molte idee su come ridipingere la tua cucina, arredare il tuo soggiorno, la camera da letto o persino il tuo angolo bar.

Il laureato

Il laureato interni arredamento

La signora Robinson, la “vera” protagonista femminile, è icona di stile sia per il suo guardaroba che per la sua elegante casa Mid-Century. Un posto dove incanalare questa atmosfera super chic?

Se ne hai la possibilità, nel tuo angolo bar. Il Laureato è un film girato negli anni ’60 ma è davvero super attuale: basta guardare l’incredibile terrazza piena di verde e gli sgabelli da bar che hanno un design senza tempo. Inoltre, i dettagli nei colori richiamano il design vintage che stiamo vedendo negli ultimi tempi nel nostro settore.

Prova a mescolare trame e materiali per dare una combinazione fra durezza e morbidezza (pensa agli sgabelli in pelle in abbinamento alla cristalleria); l’equilibrio regalerà un risultato senza tempo.

Chiamami col tuo nome

Chiamami col tuo nome

Oltre ad essere una bellissima storia d’amore e di perdita, Chiamami col tuo nome ci regala anche una delle case più mozzafiato mai viste su uno schermo. I colori tenui e romantici e gli oggetti d’antiquariato dorati ti fanno venire voglia di abbandonare il modernismo e il minimalismo.

Notizia di poco tempo fa, questa casa è stata messa in vendita: sarebbe bello acquistarla e ricreare i momenti migliori dei film, come tutte le cene all’aperto, la vita familiare nei salotti e la famosa scena del pianto davanti al caminetto della sala da pranzo. Non credi?

Marie Antoniette

Marie antoinette sofia coppola

Marie Antoniette non ha bisogno di molte presentazioni e certo, si svolge per gran parte del tempo nella Reggia di Versailles che non è una location paragonabile alla vita reale, ma vale la pena perdere la testa (…) per alcuni dettagli dell’arredamento, che in parte possono essere riprodotti.  Il film della Coppola è un delizioso macaron di carta da parati decorata, lenzuola in pizzo e il meglio dei mobili storici francesi; è la scelta che fa per te se credi nel “more is better”.

A Single Man

A single man arredamento

Diretto da Tom Ford, A Single Man è uno dei film più eleganti di sempre, fin nei minimi dettagli. Ovviamente questo include l’abbigliamento, ma gli interni delle case presenti sono altrettanto sbalorditivi e la cucina del protagonista ne è un perfetto esempio. Per creare un effetto altrettanto suggestivo, suggeriamo di utilizzare materiali vivi, come il legno, la ceramica, il travertino: sovrapponi le trame diverse con precise scelte di colore e neutralizza, ove necessario, con accenti tenui sulle pareti e sui pavimenti per consentire ai motivi di risaltare.

I Tenenbaum

Arredamento I tenenbaums

Tutti i film di Wes Anderson sono una vera gioia per gli occhi, ma è quasi impossibile raggiungere la perfezione che ha raggiunto in I Tenenbaum, soprattutto se si parla di interni.

Ogni stanza della villa della famiglia Tenenbaum è decorata con colori saturi, che sono la firma di Anderson e accentuata con dettagli inaspettati come la carta da parati. Se non desideri creare spazi monocromatici come appaiono nel film, il nostro consiglio è di scegliere solo uno o due colori neutri per il pavimento e aggiungere vivaci tocchi di colore attraverso opere d’arte, cuscini e accessori.

Fight Club

Fight club arredamento

Fincher usa la famosa scena della casa del protagonista per simboleggiare come quest’ultimo sia totalmente diventato vittima del consumismo: il narratore è al telefono con Ikea e il regista offre al pubblico un tour creando l’illusione che il protagonista viva fisicamente in un catalogo di acquisti. Mentre Fincher esplora la casa incontaminata, piena di mobili eleganti e arte moderna, “etichetta” l’ambiente con cartellini dei prezzi e descrizioni: è un appartamento perfetto per Instagram, proprio come quelli delle riviste.

Ora, non ti suggeriamo di dover fare altrettanto, ma la disposizione, la “pulizia” degli spazi in chiave anni ’90 potrebbe essere facilmente replicabile anche in casa tua.

 

 

 

 

 

 

 

 

× Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday