Blog

Ambienti - 27 Luglio 2020

8 stili di interior design da conoscere: ecco una guida

Se ti trovi in ​​difficoltà a distinguere un interno minimalista da uno di metà del secolo, eccoci: siamo qui per aiutarti.

Essere in grado di identificare prontamente ogni stile di interior design è più di un semplice trucco da sfoggiare davanti agli altri: può anche aiutarti a definire il tuo stile personale e capire ciò che ti può piacere di più.

Può anche darti il permesso di mescolare e abbinare a seconda della tua sensibilità e di gettare ogni etichetta al vento, se questo è ciò che il tuo stile personale richiede. Naturalmente, questi stili cambiano rapidamente, quindi c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare: questa è una delle cose che rendono “eccitante” il design. E se approderai ad uno stile tutto tuo, portalo avanti e dagli un nome: potremmo semplicemente scriverne in futuro!

Continua a leggere per vedere gli stili di arredamento più importanti da conoscere, con le loro caratteristiche chiave che amiamo.

Lo stile massimalista

 

Stile massimalista

Di più e ancora di più: più tappeti, più arte, più oggetti.

Questo stile di interior design senza esclusione di colpi si basa sulla miscelazione di modelli audaci, colori brillanti, trame inaspettate in un turbine tecnicolor: ci sono pochissime regole quando si tratta di massimalismo, ma pensiamo che la carta da parati sia un buon punto di partenza. Prova a iniziare in un piccolo spazio, come una camera per gli ospiti o un bagno, per limitare la quantità di muri da ricoprire. Assicurati di fare un passo indietro di tanto in tanto e guarda l’intera stanza. O, meglio ancora, scatta una foto dal cellulare da guardare con imparzialità e “distanza”, permettendoti di vedere se lo stile massimalista sta “lavorando” in maniera corretta in casa tua.

Lo stile minimal

Stile minimal

All’estremità opposta dello stile massimalista, abbiamo lo stile minimal: la vera filosofia “less is more” offre un grande impatto scenico, con spazi luminosi e puliti che riducono al minimo il disordine e spesso hanno una tavolozza di colori iper-contenuta di neutri, o di bianco e nero. Suggerimento: aspettati di portare una Marie Kondo a casa tua se speri di ottenere questo look facilmente.

Lo stile scandinavo

Stile nordico

Profondamente radicato sul posto – in particolare, Danimarca, Svezia e Norvegia, anche se occasionalmente la Finlandia e persino l’Islanda sono generosamente raggruppate nel mix  – questa estetica favorisce linee pulite, legno e altri materiali naturali. Gli spazi “Scandi” avranno probabilmente alcune delle icone del design nordico più famose, dai tavoli Tulip di Eeno Saarinen alle sedie di Hans Wegner, e sì, anche alcuni oggetti IKEA ben posizionati (nessuna vergogna — non demonizziamo il megastore svedese).

Lo stile country

Stile country

Nessuna lista degli stili di arredamento è completa senza un cenno al country. Incorporando elementi rustici in un modo fresco, questo stile di interior design è da molto tempo di gran moda per la sua atmosfera accogliente…per la promessa di uno stile di vita più semplice. Il frenetico ritmo a cui siamo abituati fa sì che la nostra generazione spesso brami uno stile di vita più lento; lo stile country regala una sensazione di relax con i suoi delicati toni neutri della terra e i suoi materiali naturali.

Lo stile bohemien

Stile bohemien

Viaggiatore per il mondo, questo stile è per te. Lo stile bohémien privilegia strati di tessuti lussureggianti provenienti da terre lontane, come tappeti marocchini tessuti a mano e stampe giapponesi : aspettatevi di vedere arazzi e fioriere intrecciate di macramè che si riversano in una vegetazione lussureggiante – la tendenza all’ossessione per le piante è molto “giusta” in uno spazio boho. Come ricrearlo in casa? Tutto deve sembrare provenire da un mercatino delle pulci in un posto lontano: questo è un punto fondamentale!

Lo stile mediterraneo

Stile mediterraneo

Lineare ma con un tocco decisamente esotico, questo stile di arredo è interamente legato alla trama, spesso sotto forma di finiture organiche e naturali.

Si deve avere l’illusione di essere da qualche parte vicino al Mar Mediterraneo con mobili realizzati con materiali naturali come il rattan, la pietra, il legno di recupero, e non, per completare il look di insieme. È come una lunga vacanza al mare che puoi portare a casa con te.

Lo stile classico moderno

Stile classico moderno

Mentre l’aggettivo “tradizionale” potrebbe sembrare vecchio e stanco, il modo con cui viene accostato col termine moderno e trova spazio parla in realtà sia di un amore per il passato che di un occhio al futuro. Linee pulite con splendidi oggetti d’antiquariato, modanature decorate e opere d’arte vintage…Tutto ciò che i nostri nonni possedevano è di nuovo nuovo!

Lo stile art deco

Stile art deco

Di solito caratterizzato da forme arrotondate, tessuti lussureggianti e toni “ricchi”, lo stile Deco ha subito una trasformazione negli ultimi anni, riemergendo in un modo più moderno: nei mobili, vediamo pezzi imbottiti come divani e sedie. Questo crea un’energia più tranquilla, che emula onde e curve, e rende l’ambiente più accogliente e più intimo.

E qui si chiude la nostra carrellata.  Qual è lo stile d’arredamento che fa per te?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Serve aiuto?